Riparazione cemento armato deteriorato

“Dobbiamo intervenire su strutture in c.a. realizzate che si sono particolarmente deteriorate. Dobbiamo procedere tempestivamente alla loro ricostruzione in quanto ogni anno il loro deterioramento continua ad aumentare. In alcuni punti si sono staccati più di 5 cm e si vede l’armatura che si è arrugginita
Vorremmo fare un intervento che possa durare il più possibile e vorremmo che le riparazioni possano dare un miglioramento delle caratteristiche meccaniche, quindi vi chiediamo se potete proporci dei cicli di riparazione da applicare con prodotti appositi. Ringraziando distinti saluti.”
Imp. B.E. (BS).

La soluzione di ripristino e riparazione dovrà scegliere prodotti con caratteristiche meccaniche performanti con capacità di aver un modulo elastico più basso di quello del calcestruzzo e seguire le indicazioni della Norma Europea EN 1504-09. Si potranno utilizzare malte di ricostruzione con caratteristiche elevate come richiede la marchiatura CE scegliendo la Classe R4 oppure R3 in funzione delle prestazioni che riterrete più adatta alla struttura stessa. Riporto di malte apposite premiscelate pronte che sono adesive, ad alte capacità meccaniche (Classificazione CE R4), impermeabili e fibro-rinforzate.
Il ciclo da seguire è quello indicato dalla nuova Norma Europea EN 1504-9 – Principio 3 – Metodo 3.1 che è andata in vigore il 01 Gennaio 2009:

  • Procedere alla demolizione di ogni parte in distacco o non dotata di sufficiente resistenza e coerenza. Le armature in avanzato stato di degrado saranno scoperte rimuovendo completamente lo strato di calcestruzzo copriferro. Saranno rimosse anche le tracce di precedenti interventi di riparazione o riporti non perfettamente aderenti. Tali operazioni dovranno essere eseguite con mezzi manuali o comunque tali da non danneggiare lo strato di calcestruzzo sano sottostante evitando eccessive vibrazioni;
  • Effettuare una accurata pulizia mediante spazzolatura, o meglio sabbiatura, di tutte le superfici interessate dai successivi trattamenti, con completa rimozione di sostanze o depositi estranei, come ruggine, olio, grassi, pellicole superficiali sfarinanti. I ferri saranno ripuliti asportando completamente la ruggine e ricoperti a breve distanza con i successivi specifici trattamenti;
  • I ferri di armatura ripuliti saranno trattati mediante applicazione a pennello in due mani, a distanza di circa 3 ore l’una dall’altra, con una boiacca cementizia pennellabile a base di leganti idraulici, polveri silicee, inibitori di corrosione SIKA MINIPACK ANTICORROSION.
  • I riporti in spessore a ricostruzione del copriferro e di parti mancanti saranno realizzati mediante riporto diretto di malta adesiva monocomponente a ritiro controllato a consistenza di stucco, costituita da inerti selezionati, cementi modificati, polimeri sintetici (Net Bonding Polymer) ed opportuni additivi, contenente microfibre in polipropilene, SIKAMONOTOP DYNAMIC marcato CE classe R4 oppure SIKAMONOTOP X2 .
    L’applicazione sarà  eseguita a dorso di cazzuola o spatola curando di bagnare a rifiuto il sottofondo prima dell’applicazione.

Durabilità dell’intervento e trattamento protettivo con inibitore di corrosione migrante

EN 1504-9 | Principio 9 | Metodo 9.1

Per la durabilità dell’intervento, il ciclo di riparazione potrà essere completato con il trattamento di tutta la struttura curando così anche la parte di calcestruzzo integra e che non è stata soggetta a riparazione in quanto, in quei punti, i ferri di armatura interni non sono arrivati ad una stato di corrosione tale da causare il distacco dello strato copri ferro in conformità alla Norma Europea EN 1504 – Principio 9 –  Metodo 9.1.
La protezione anticorrosiva delle barre d’armatura non trattate con SIKAMINIPACK ANTICORROSION, sarà assicurata dall’applicazione dell’inibitore di corrosione migrante SIKAFERROGARD 903+, applicato in 2/3 mani a pennello o rullo su tutte le superfici in c.a. esposte all’azione degli agenti atmosferici. Trattasi di vernice ad impregnazione incolore per strutture in c.a. a base di una miscela di ammino-alcoli organici ed inorganici ed inibitori di corrosione migranti, da applicare su sottofondo sano, compatto e libero da ogni impurità, in ragione di due-tre mani, con tempi di attesa tra le mani di circa 3-6 ore, per un consumo totale di almeno circa 400 gr/m2.

Verniciatura con piacevole effetto estetico e protezione contro la carbonatazione ed esposizione futura

EN 1504 | Principio 8 | Metodo 8.3

La protezione della struttura contro la carbonatazione verrà  assicurata dall’applicazione della speciale verniciatura elastica protettiva e decorativa, traspirante al passaggio del vapore, impermeabile all’acqua ed ai gas aggressivi atmosferici, a base di resina acrilica in dispersione acquosa, SIKAGARD 550W ELASTIC applicata in 2/3 mani a pennello o rullo, previa applicazione di apposito primer consolidante SIKAGARD 552 W AQUAPRIMER mediante rullo, pennello o spruzzo in 1 mano.

Prodotti Consigliati:

  • monotop dynamic

    Sika MonoTop Dynamic

  • Sika MonoTop®-441 Unika

  • sikaferrogard 903+

    SikaFerrogard 903Plus

  • sikagard 550 w elastic

    Sikagard 550 W Elastic

  • Sikagard 552 W Aquaprimer

    Sikagard 552 W Aquaprimer

  • sikaminipack anticorrosion

    SikaMinipack Anticorrosion

Accedi per votare questa risposta.
0 persone hanno trovato utile questa risposta.


Category: Riparazione calcestruzzo

← L’esperto risponde
The following two tabs change content below.
Casari Edilservice
Presente sul mercato dal 1968, Casari EDILSERVICE è un’affermata società al servizio dei professionisti dell’edilizia. La pregevole esperienza cantieristica dei geometri Giorgio e Marco Casari è oggi un valore di riferimento per aziende importanti ed operatori specializzati del settore edile. Tel.: 030 2131471
Ancora nessun commento.

Lascia un commento